• Galeotto di Pietramala, cardinale "malatestiano"

    A ventidue anni, l'11 settembre 1378, il protonotario apostolico Galeotto Tarlati di Pietramala è nominato cardinale da papa Urbano VI, eletto l'8 aprile dello stesso anno.
    Il pontefice ha delegato ai Signori d'Italia e d'Europa la scelta dei candidati alla porpora. Il nome di Galeotto è suggerito da suo nonno materno, Galeotto I Malatesti.
    Sua figlia Rengarda Malatesti nel 1349 ha sposato Masio Tarlati di Pietramala, la cui famiglia ha governato Arezzo dal 1321 al 1337. Masio è Magistrato municipale di Rimini dal 1346 al 1347. Nel 1347, sempre a Rimini, Masio è fatto cavaliere dal re d'Inghilterra.
    Galeotto I Malatesti è personaggio ben conosciuto nel mondo ecclesiastico, come dimostra la sua visita al nuovo pontefice Urbano VI. Partito da Rimini il 29 maggio, Galeotto I Malatesti si trattiene a Roma sino alla fine di luglio dello stesso 1378. Più che una semplice visita, quella di Galeotto I è una speciale missione presso i cardinali francesi dissenzienti che contestano l'elezione di Urbano VI. E che poi il 20 settembre eleggono l'antipapa Clemente VII, ovvero il cardinale Roberto di Ginevra, che si trasferisce ad Avignone nel giugno dell'anno successivo.
    Roberto di Ginevra è ben noto in Romagna. Come cardinal Legato è stato inviato da Gregorio XI, il predecessore di Urbano VI, nel 1376 con un esercito di Bretoni a combattere nel Bolognese. Nel 1377, il 17 gennaio, Gregorio XI torna a Roma e promuove una feroce repressione delle rivolte nei territori della Chiesa: domata Bologna, i Bretoni terribilmente saccheggiano Cesena, dove si registrano quattromila vittime.

     

    Papa Urbano VI, al secolo Bartolomeo Prignano, delegando ai Signori d'Italia e d'Europa, la scelta dei candidati cardinali, dimostra subito la sua linea politica: essere non tanto il successore di Pietro nell'obbedienza al Vangelo, quanto un capo politico che vuole gestire il potere, favorendo non soltanto i potenti ma soprattutto la propria famiglia, in particolare il proprio nipote Francesco Prignano, soprannominato Butillo, che in spagnolo significa «pallido».
    Per realizzare il suo progetto non guarda in faccia a nulla, e ricorre ripetutamente all'omicidio di chi considera nemico od ostacolo ai suoi progetti. Di questi tragici eventi spesso ci si dimentica guardando solamente alla nascita del Grande Scisma che domina la scena ecclesiastica tra 1378 e 1418, per porre fine al quale la Chiesa accende i roghi in nome di Cristo.
    Il 6 luglio 1415 a Costanza, dove si tiene quel celebre Concilio per dare alla Chiesa un solo Papa contro i tre in circolazione dal 1409, è bruciato vivo Giovanni Huss, seguace di Wycliff e capo di una rivolta autonomistica in Boemia che impensieriva l'imperatore Sigismondo. Huss era stato invitato a Costanza con un salvacondotto dell'imperatore. Fu attirato nella trappola dai padri conciliari che, non paghi del rogo su cui era stato giustiziato, fecero riesumare le sue ceneri per disperderle al vento come ultimo oltraggio.
    Il 29 maggio 1416 lo stesso destino è riservato ad un seguace di Huss, Girolamo da Praga. Ne scrive Poggio Bracciolini in una celebre lettera a Leonardo Bruni. Girolamo è vissuto per 350 giorni «in durissimis carceribus, in sordibus, in squalore, in stercore, in compendibus, in rerum omnium inopia». La sua reazione costringe ad ascoltarlo: era venuto al concilio spontaneamente per scolparsi: «Addiderat inseuper se sponte venisse ad concilium ad se purgandum».
    Girolamo difende Giovanni Huss. Nulla egli aveva sostenuto contro la Chiesa, dichiara: «ait nihil illum adversus Ecclesie Dei statum sensisse». Secondo Girolamo, Huss aveva soltanto lottato contro l'abuso dei preti, contro la superbia, il fasto e la pompa dei prelati: «sed adversus abusus clericorum, adversus superbiam, fastum et pompa prelatorum». La descrizione della morte di Girolamo tra le fiamme si sintetizza in queste parole: «vir praeter fidem egregius».


  • Commentaires

    Aucun commentaire pour le moment

    Suivre le flux RSS des commentaires


    Ajouter un commentaire

    Nom / Pseudo :

    E-mail (facultatif) :

    Site Web (facultatif) :

    Commentaire :